top of page
foreste.jpg

La terra degli alberi antichi

Semi antichi, ricordi di un lontano passato, hanno attecchito le loro radici nelle fertili terre di Loiano, dove oggi si slanciano solenni, verso il cielo, cullati dalle dolci melodie del vento.

Sentiero nella foresta

Testimoni del tempo

Superstiti della storia e delle intemperie del passato, sono diversi gli alberi monumentali che da secoli impreziosiscono il territorio di Loiano. Nell’antico parco di Palazzo Loup (ex Villa delle Fratte), in località Scanello, un pluricentenario Cedro Deodara, alto circa 22 m, e un maestoso Taxus Baccata, di circa 700 anni, sono reduci di importanti avvenimenti storici che hanno segnato la storia della nazione: dalla visita di Papa Pio VII nel 1805, di ritorno dalla Francia dopo l’incoronazione dell’Imperatore Napoleone I, ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, che hanno danneggiato parte di essi e mutilato il lungo filare di cipressi della villa, di cui ne rimangono solo due esemplari. Silenziosi e solenni, dalle chiome possenti e le braccia contorte, sono anche i caratteristici castagni secolari di Loiano, ricordo della storia matildica e simbolo della tradizione montana di tutto l’appennino emiliano-romagnolo. Non si parla solo di patrimonio naturale, ma anche di importanti mitigatori dei cambiamenti climatici. Lo sa bene il Consorzio Castanicoltori dell’Appennino Bolognese che da anni propone e collabora ad iniziative e progetti come Castanea, atto a rivitalizzare la coltura del castagno, e CASTANI-CO, vocato al sequestro di carbonio.

In cerca dei castagneti secolari

Avreste mai pensato di percorrere un itinerario dedicato all'antico "albero del pane"? Venite con noi per scoprire questi suggestivi ed antichi alberi.

 

  • Un primo castagneto secolare di notevole suggestione lo si incontra nei pressi della Pineta di Loiano, punto di partenza di molte escursioni;

  • In quello vicino alla chiesa di Scanello, invece, si inaugura la stagione autunnale con la Festa nel Bosco.

  • Presso il Parco Astronomico di Loiano, su Monte Orzale, troviamo il castagneto secolare dell’Università di Bologna, della varietà locale “Marrone Biondo”, nato dal recupero di un antico sesto d’impianto detto “matildico”.

Un albero da festeggiare

Dalla Sagra del marrone biondo di Scascoli, alla Festa del bosco, passando per la Sagra della castagna, l'autunno in Appennino fa rima con feste, colori e sapori tutti dedicati, ovviamente alla castagna, al marrone e ai prodotti del sottobosco. I più golosi non potranno mancare!

Vieni a trovarci!

Tour gustosi, benessere naturale, percorsi di storia, di misteri e leggende, trekking e percorsi bike: scopri le terre di BOM e lasciati consigliare da noi per la tua prossima vacanza in Appennino

​​

Contatti & proposte

(+39) 331 443 0004

(+39) 051 65 83 109

info@bolognamontana.it

Informazioni utili

33.png
bottom of page