top of page
monzuno cover.jpg

C'era una volta il mare

Che tu stia cercando una curiosa meta per una giornata nella natura, o stia percorrendo la Via degli Dei, la Traversata delle cinque valli, o la Linea Gotica, arriverai comunque al suo cospetto: il Contrafforte Pliocenico, geosito di rilevanza regionale dell’Emilia-Romagna che testimonia il lontano passato di queste terre

Fossil Animal

Geologi per un giorno

Nei dintorni di Monzuno troviamo la Riserva Naturale del Contrafforte Pliocenico, la più vasta dell’Emilia-Romagna. Istituita nel 2006, tutela la singolare area che si sviluppa per una quindicina di chilometri trasversalmente alle valli di Reno, Setta, Savena, Zena e Idice, culminando negli spettacolari rilievi di Monte Adone, Rocca di Badolo, Monte Rosso e Monte delle Formiche.
Passeggiando in località Brento, ci si imbatte in potenti banchi arenacei ricchi di fascino e di mistero, in netto contrasto con l’ambiente boschivo circostante. A rendere così scenico l’impatto visivo di queste rupi, torrioni e guglie di roccia è la cosiddetta morfoselezione, per la quale materiali di diversa tipologia subiscono più o meno intensamente l’azione erosiva degli agenti subaerei, tra cui il vento, che con la sua forza e creatività crea bizzarre ed insolite sagome.
Davanti a noi abbiamo le testimonianze del piccolo golfo marino che era questo territorio durante il Pliocene (5-2 milioni di anni fa), quando l’odierna Pianura Padana era ancora un ambiente di mare aperto a ridosso del quale la catena appenninica era già in gran parte emersa. In particolare, le evidenze geologiche e stratigrafiche indicano un ambiente di mare poco profondo, probabilmente compreso tra un ambiente di piana deltizia e uno di fronte deltizia.

Ora tocca a voi!

E' il momento di mettere gli scarponi, armarsi di quaderno, matita e macchina fotografica e partire!

Venite tra le alture del contrafforte e iniziate una caccia al tesoro che vi porterà indietro di 5 milioni di anni cercando di avvistare… fossili marini incastonati!

Ovviamente non si possono raccogliere, ma voi potete provare a cercarli, fotografarli o disegnarli nel vostro quaderno e inviarci (qui: info@bolognamontana.it) le vostre foto e disegni che noi ripubblicheremo sui nostri social network!

Forza piccoli geologi!

Non solo fossili...

Oltre a rappresentare un importante tassello della Storia della Terra dell’Emilia-Romagna, la zona del Contrafforte Pliocenico nasconde tanti altri tesori da scoprire. Lungo il vostro cammino, mimetizzati con l’ambiente, potreste imbattervi in piccoli contenitori marchiati “Geocaching” partecipando, così, alla caccia al tesoro più ampia e diffusa del mondo. Ecco tre geocache che consigliamo: Geocache Monte Adone (GCTEKN) - Tombe o colombe? (GC42758) - Via degli Dei (Bologna - Firenze) (GC597R0). Non sai cosa sia il Geocaching? Leggi maggiori informazioni sul sito www.geocaching.com e www.geocachingitalia.it

Vieni a trovarci!

Tour gustosi, benessere naturale, percorsi di storia, di misteri e leggende, trekking e percorsi bike: scopri le terre di BOM e lasciati consigliare da noi per la tua prossima vacanza in Appennino

​​

Contatti & proposte

(+39) 331 443 0004

(+39) 051 65 83 109

info@bolognamontana.it

Informazioni utili

33.png
bottom of page